This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Condividi su

VACCINO ASTRAZENECA NELLE BASI AM: SCHEDATURA DEL PERSONALE CHE NON VUOLE VACCINARSI

15-03-2021

L’odierno comunicato dell’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) che sospende l’utilizzo del vaccino AstraZeneca, diffuso a sole 24 ore dal precedente in cui rassicurava gli italiani circa l’assenza di un nesso causale tra i casi di decesso e la somministrazione del farmaco, non fa che aumentare la preoccupazione tra il personale militare.

 
Alla luce degli ultimi eventi, riteniamo grave e chiediamo chiarimenti sull’iniziativa del 37° Stormo di Trapani che vorrebbe imporre al proprio personale che non vuole vaccinarsi la sottoscrizione di un modulo apposito in cui indicare le motivazioni del rifiuto. Riteniamo del tutto inopportuna, oltre che illegittima, tale ”schedatura” del personale per una profilassi che ricordiamo deve essere svolta consapevolmente su base volontaria. 
 
Inoltre, in molti reparti AM, vengono utilizzate fantasione procedure di raccolta dei dati sanitari senza nessuna attenzione per la privacy. Infatti, pare si sia dato mandato alle segreterie degli uffici di raccogliere i dati del personale interessato alla vaccinazione. E' bene ricordare che per le norme in tema di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro il datore NON può chiedere ai propri dipendenti di fornire informazioni sul proprio stato vaccinale e nemmeno può chiedere questi dati al medico del lavoro, come chiaramente stabilito dal D.lgs 81/2008 che fa ricadere in via esclusiva al medico del lavoro la competenza sul trattamento dei dati sanitari.
 
Chiediamo, pertanto, anche alla luce delle incertezze emerse nelle ultime ore circa l’innocuità del vaccino AstraZeneca, che da parte degli organismi nazionali e sovranazionali siano interrotte tutte le misure messe in atto da diversi comandi volte a realizzare una “schedatura” di quanti legittimamente non ritengono opportuno vaccinarsi. 
 
Ricordiamo infine, ai nostri iscritti ed ai colleghi più in generale, che le norme sulla privacy chiariscono inequivocabilmente che le informazioni relative al proprio quadro anamnestico sono riservate all’esclusività del rapporto medico-paziente ed in alcun modo possono essere messe a conoscenza di superiori o altro personale dei comandi.
Il SIAM come sempre è a disposizione per assistere quanti siano esposti a prevaricazioni in tal senso.

Iscriviti al SIAM clicca qui

vaccino obbligatorio.jpg