This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Condividi su

Conclusi gli Stati Generali dei sindacati militari: agitazione sul DDl Corda

15-07-2021

 

I SINDACATI MILITARI PROCLAMANO STATO AGITAZIONE SU DDL CORDA 

Roma, 15 lug - Al termine della due giorni degli Stati Generali dei Sindacati Militari e dal relativo dibattito che ha investito giuristi, costituzionalisti, sindacalisti e parlamentari è emerso che "al personale militare devono essere riconosciuti gli stessi diritti di tutti i lavoratori, nel perimetro di quanto previsto dalle norme costituzionali e dalle norme comunitarie" si legge in una nota a firma di Assodipro in cui si annuncia "l'apertura di uno stato di agitazione sindacale che durerà fino a quando non ci sarà un reale confronto tra i Sindacati Militari e la Politica per giungere ad una legge che abbia realmente natura sindacale nel rispetto del dettato costituzionale". Il disegno di legge sulla sindacalizzazione del personale militare attualmente all'esame della Commissione Difesa del Senato, il ddl Corda, si legge nella nota, "contiene palesemente previsioni che non sono in linea con la primaria normativa richiamata e che disattendono fortemente le aspettative dei Sindacati Militari riuniti per la prima volta nei loro Stati Generali. Dalla data della sentenza della Corte Costituzionale n. 120/2018 che ha finalmente consentito la nascita dei Sindacati Militari la Politica, nella sua interezza, ha dimostrato dapprima forte disattenzione rispetto a quanto da anni richiesto dal personale militare in tema di riconoscimento dei diritti dei lavoratori in divisa e poi una totale mancanza di coraggio nell'elaborare, proporre ed approvare una legge che, nel rispetto delle norme costituzionali e comunitarie, portasse al concreto e reale riconoscimento dei diritti sindacali al personale militare. Oggi la Politica, lungi infatti dal dimostrare lo stesso coraggio che ha avuto il Legislatore nel 1981 con la riforma dell'allora Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza (legge 121/1981) e che portò alla sindacalizzazione del suo personale ed alla democratizzazione delle funzioni di polizia, ha per converso dimostrato di prestare particolare attenzione alle richieste degli Stati Maggiori che palesavano un indimostrato rischio per la coesione interna delle Amministrazioni militari ed una particolare predisposizione a svilire le innumerevoli richieste provenienti dai Sindacati Militari, fino ad affievolirne irrimediabilmente il valore sotto il profilo del riconoscimento dei diritti propri di tutti i lavoratori". (red)

151051 LUG 21 

Iscriviti al SIAM clicca qui

IMG-20210716-WA0000.jpg