This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Condividi su

LEGGE IRRICEVIBILE. ORA FATTI, BASTA PROPAGANDA SULLA PELLE DEI MILITARI!

14-05-2019
           In pochi giorni la Commissione Difesa della Camera ha gettato alle ortiche anni di dibattiti, ignorato la sentenza n. 120/2018 della Corte Costituzionale e la giurisprudenza internazionale e oltraggiato 50 anni di diritto sindacale. Eppure si partiva da due proposte di legge (AC875 Corda e AC1060 Tripodi) che, sia pure imperfette, erano una buona base di partenza. Sono state ignorate tutte le indicazioni dei sindacati e degli esperti e raccolte tutte quelle degli Stati Maggiori. Le modifiche introdotte in Commissione, in particolare l’esclusione dell’articolazione dell’orario di servizio e dei criteri generali di mobilità dalla competenza dei sindacati, l’introduzione di assurde limitazioni ai dirigenti sindacali, la previsione di una soglia di rappresentatività minima del 3% per ogni categoria (votate da tutte le forze politiche, M5S compreso) e soprattutto l’inammissibile assegnazione al TAR delle controversie per condotta antisindacale (votata dalle opposizioni e dalla Lega), rendono il testo totalmente opposto rispetto all’A.C. 875 originale e palesemente incoerente rispetto alla sentenza n. 120/2018 ed alla giurisprudenza internazionale. I resoconti parlamentari parlano chiaro. Chi ha davvero a cuore i diritti dei militari ripensi su un testo che offende la dignità e l’intelligenza dei lavoratori con le stellette ed impedisce l’esercizio della (anche minima) attività sindacale e si impegni già in aula a modificarlo. Ora fatti, basta propaganda sulla pelle dei militari. Abbiamo bisogno di spazi di democrazia e non di chiusure anacronistiche che mettono a rischio le condizioni di vita di lavoratori onesti sempre rispettosi dei loro doveri costituzionali nell’interesse esclusivo del Paese.          

Iscriviti al SIAM clicca qui