This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
Condividi su

GIORNATA MONDIALE DEI DIRITTI UMANI: SINDACATI MILITARI UNITI PER RIVENDICARE I PROPRI DIRITTI!

10-12-2021

In occasione della Giornata Mondiale per i Diritti Umani, vogliamo ricordare l’articolo 11 della Convenzione Europea per i Diritti dell’Uomo:  

Libertà di riunione e di associazione

  1.     Ogni persona ha diritto alla libertà di riunione pacifica e alla libertà d’associazione, ivi compreso il diritto di partecipare alla costituzione di sindacati e di aderire a essi per la difesa dei propri interessi.

A quasi quattro anni dalla sentenza della Corte Costituzionale che rimuoveva il divieto di costituire associazioni sindacali tra militari, dobbiamo constatare che, non solo la politica non ha ancora regolamentato il settore, ma il testo che si accinge ad approvare di fatto nega il medesimo principio su cui si fonda il giudizio dell’Alta Corte.

“Mala tempora currunt” dicevano i latini ed allo stato attuale il cammino della legge che dovrà disciplinare i diritti sindacali del personale militare non lascia presagire nulla di buono per chi con passione e sacrificio ha deciso di mettersi a disposizione per la tutela dei colleghi.

Per questo, in questa Giornata, il SIAM ribadisce la sua adesione convinta al comunicato che annuncia definitiva e positiva risoluzione della vicenda che riguardava il collega sindacalista Luogotenente Antonio Pagano (scarica il comunicato dal link quì accanto).

Le sue vicissitudini descrivono bene la visione che hanno i vertici militari, in materia di diritti sindacali e per questo la solidarietà di tante sigle sindacali al collega Pagano è un messaggio forte a loro e alla politica.

Il comunicato è un messaggio che parla di solidarietà e unità per far fronte comune contro le prevaricazioni e gli abusi perpetrati da chi sta pensando di mettere in atto contro chi vuole svolgere attività sindacale, per la piena affermazione dello spirito che permea l’articolo 11 della CEDU.

Nessuna intimidazione sarà tollerata e non c’è occasione è più propizia della Giornata Mondiale per i Diritti Umani per ribadirlo!

Iscriviti al SIAM clicca qui